Home La nostra Storia L’opera “L’Usignolo e l’Imperatore“

L’opera “L’Usignolo e l’Imperatore“

5 minuti di lettura
0
l'usignolo e l'imperatore

L’Associazione Mus-e Torino Onlus ha offerto alle classi delle scuole primarie, alle famiglie e ai sostenitori, uno spettacolo realizzato nell’ambito del progetto Mus-e Torino con la collaborazione della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani. Il Progetto “L’Usignolo e l’Imperatore” ha avuto come obiettivo avvicinare i bambini alla musica colta e in particolare all’Opera.
E’ stato scelto un lavoro adatto alla loro età: l’Opera “L’Usignolo e l’Imperatore”.
Musicata dal Maestro Enrico Coreggia e liberamente tratta da una fiaba di Hans Christian Andersen, è stata interpretata dai bambini delle classi 2 D e 3 D della scuola primaria Cairoli e dalla 3 B della scuola primaria Silvio Pellico, guidati dagli artisti Mus-e, e dai musicisti professionisti dell’Ensemble Antidogma diretti da Antonmario Semolini. La regia è stata di Alberto Jona e il coordinamento del progetto di Carlo Pavese.
La voce narrante era dell’insegnante di teatro Mus-e Sandro Carboni; le scenografie sono state realizzate dalla classe 3 C della scuola primaria Fontana sotto la guida del maestro Asahara Hiroaki, mentre le silouhette del teatro d’ombre sono state realizzate dalla classe 3 A della scuola primaria Anna Frank con l’artista Anna Mostacci.
 
Gli spettacoli, andati in scena il 16 e il 17 maggio 2014 alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani, hanno rappresentato la prova generale della replica di Settembre nell’ambito di MITO Settembre Musica (13 settembre).
Il progetto ha avuto il sostegno e il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte.

L'Usignolo e l'ImperatoreI significati che si possono scoprire in questa semplice e toccante storia sono molteplici. L’usignolo vero, che deve confrontarsi con l’usignolo meccanico per volere di un imperatore che non riesce a comprendere i veri valori dell’esistenza, rappresenta un inno alla libertà. L’imperatore lo vorrebbe sempre a corte, prigioniero in una gabbia dorata, pensando che la ricchezza possa sopperire alla bellezza della natura, alla libertà, alla possibilità di sentirsi meravigliosamente in alto tra le nubi. Solo attraverso la sofferenza e attraverso l’arte, l’imperatore comprenderà quanto sia più preziosa l’amicizia di un piccolo uccellino libero che possa tornare a cantare quando più ne senta il desiderio, piuttosto che la compagnia di un freddo uccello meccanico, più appariscente, ma privo di sentimenti e di calore. Quindi un inno all’amore, alla libertà e all’arte.
 
“L’Arte che diventa facilitatrice dell’apprendere in una Scuola sempre più multietnica e multiculturale. Nel corso di questi anni abbiamo organizzato spettacoli fatti dai bambini, per un vero pubblico, rappresentati in un vero teatro, insieme agli artisti che svolgevano il duplice ruolo di maestri e interpreti, modelli e figure di riferimento. La dimensione collettiva dello spettacolo è diventata l’impresa, al punto che gli oltre 200 bambini coinvolti, molti dei quali mai usciti dai loro quartieri, hanno srotolato con serietà e impegno il fil rouge della recita replicata anche due volte nella stessa giornata conservando tutta la freschezza del evento/gioco. E’ per tutte queste ragioni, abbiamo aderito prima con interesse e poi con entusiasmo alla proposta di mettere in scena l’Operina “L’Usignolo” in collaborazione con l’Associazione AntiDogma” ha dichiarato Paola Monaci Responsabile del Progetto Mus-e Torino.

Print Friendly, PDF & Email
  • Anna Mostacci

    Anna Mostacci

    IL TEATRO D’OMBRE Dove è la nostra ombra quando è buio? Cosa fa? Dorme oppure è fina…
  • cairoli-in-festa

    Cairoli in Festa

    Cairoli in Festa – Mercoledì 6 Giugno – Teatro Parrocchiale via Chiala 14 Tori…
  • Alessandra Odarda

    Alessandra Odarda

    Nata a Torino nel 1961, dopo essermi diplomata presso il Primo Liceo Artistico Statale di …
Comments are closed.

Guarda anche

Una pallina di Natale per Mus-e

Per continuare a realizzare il sogno del grande violinista Yehudi Menuhin – fondator…